SOS CASA – COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Benvenuti nel sito di SOS Casa Cooperativa Sociale

SOS CASA – COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Organizzazione No Profit di Villafranca di Verona

LA NOSTRA MISSION

SOS CASA si batte per il diritto alla casa

LA NOSTRA MISSION

favorendo migliori condizioni di vita

LA NOSTRA MISSION

a persone in difficoltà a reperire una dignitosa sistemazione

“… non può esserci vita degna senza abitazione decente.”

È dall’assenza di casa, o da case troppo inadeguate

che partono tutte le ineguaglianze.”

Abbé Pierre

SOS CASA – COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Un gruppo di amici

SOS CASA – COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

Che fa dell’accoglienza un valore essenziale.

Emergenza casa ora c’è l’affitto “concordato” (da l’Arena del 10/07/2016)

Emergenza casa ora c’è l’affitto “concordato” (da l’Arena del 10/07/2016)

In paese cisono ottocento appartamenti sfitti: il patto territorialeper le aree colpite da calamità naturali  prevede agevolazioni fiscali e fissa un tetto ai canoni.

Anche a San Bonifacio il pro- blema della casa preoccupa molto amministratori e cittadini. Come affermano il sin-daco Giampaolo Provoli e l’assessore ai servizi sociali Fabio Merlo, stride il fatto che centinaia di appartamen-ti rimangano chiusi mentre moltissime famiglie non riescono a trovare casa. Una svolta decisiva per individuare la soluzione del problema, apparentemente incomprensibile, è arrivata in questi giorni, coordinata dal Comune. Si chiama Accordo territoriale per canone concordato.
«Si tratta», spiega il sindaco, «dell’accordo intervenuto tra i sindacati rappresentanti dei piccoli proprietari (Uppi e Ape), cioè di chi non ha grandi proprietà immobiliari e dà in affitto questa sua proprietà, e i rappresentanti degli inquilini (Sunia, Sicet e Uniat) che cercano un affitto il più conveniente possibile».
«Il problema», prosegue Provoli, «è innanzitutto fiscale e riguarda la tassazione individuale delle due parti: proprietario e inquilino. Quest’anno in particolar modo ci sono delle novità, che portano ad avere una riduzione delle tasse per ambedue le parti: una forte agevolazione che viene ad essere suggellata se i proprietari di casa e l’inquilino aderiscono al cosiddetto affitto a canone concordato, cioè calmierato e quindi a prezzo più basso».
Si tratta di un canone che è stato concordato tra i rappresentanti delle dueparti, i quali valutando la natura del paese e guardando a quella che è la situazione del problema casa, con relativa problematica degli sfratti e del mercato immobiliare locale, fanno appunto un accordo territoriale individuando il valore massimo di un appartamento, al metro quadro, distinguendo due zone: la zona centrale del paese e quella delle frazioni, stabilendo un minimo e un massimo per quel che riguarda il valore, al metro quadro, di un possibile affitto. Aggiunge il sindaco: «Il contratto si sviluppa in un 3 più 2, (che significa che il contratto di affitto deve avere non più la formula del 4 più 4, cioè 4 anni di affitto più 4 tacitamente rinnovabili,ma diventa 3 più 2). Inoltre un affitto secondo questi patti porta delle agevolazioni fiscali di varia natura: la prima, ed è la novità di quest’anno, decisa dal governo, stabilisce che per l’Imu sulle case che hanno un affitto a prezzo concordato ci sia un 25 per cento di risparmio, un’agevolazione notevole quindi. La seconda agevolazione vale anche per l’inquilino in affitto, che in base al proprio reddito può detrarsi, sul 730, da 300 a 900 euro e quindi praticamente riesce a risparmiare una o due mensilità di affitto, quindi con un risparmio di oltre il 10-15 per cento». Il sindaco poi fa notare che l’altro elemento forte, per il proprietario, «è legato alla cosiddetta tassazione sulla proprietà: questo contratto porta per sua natura alla cedolare secca, che stabilisce che in base al contratto d’affitto il proprietario paga il 21 per cento secco; con questo canone concordatario, nei paesi ad alta densità abitativa come San Bonifacio, la riduzione è del 50 per cento, cioè il proprietario pagherebbe in pratica il 10 per cento. Esempio: 500 euro al mese per un appartamento significa un canone di seimila euro: di tasse ci sarebbe un risparmio di circa 600 euro e inoltre si pagherebbe l’Imu ridotta del 25 per cento. Ciò evidentemente favorisce una maggiore possibilità di mettere sul mercato case, perché da parte dei proprietari c’è sicuramente una convenienza maggiore per quanto concerne le tasse: Si cerca così di rimettere in moto il mercato degli affitti».
Ora anche San Bonifacio si è dotato dell’accordo territoriale per gli affitti calmierati, firmato il 27 giugno tra i sindacati rappresentanti degli inquilini e quelli dei piccoli proprietari. La giunta municipale ne ha preso atto e il documento ora ha anche la firma del sindaco come presa d’atto dell’avvenuto accordo.

Da profughi a compaesani L’integrazione sta riuscendo (da L’Arena del 10/07/2016)

Da profughi a compaesani L’integrazione sta riuscendo (da L’Arena del 10/07/2016)

All’inizio, in marzo, c’era molta diffidenza nei loro confronti, poi con i rifugiati africani si è passati dall’accoglienza al coinvolgimento

I tre ragazzi rifugiati politici, che da marzo scorso vivono a Fumane per tutti, all’inizio, erano semplicemente i «profughi», ma oggi, dopo quattro mesi, i cittadini fumanesi hanno imparato a chiamarli per nome, a salutarli lungo le vie del paese quando sfrecciano con le loro biciclette gialle fosforescenti, a riconoscerli come semplici compaesani.
«All’inizio», dicono alcuni componenti del gruppo Caritas paesano, «c’erano sicuramente alcune preoccupazioni, soprattutto da parte del vicinato, ma con il tempo tutti hanno dovuto ricredersi e in quattro mesi non è mai arrivata alcuna lamentela».I tre africani vivono in centro a Fumane, in una casa messa a disposizione da una famiglia generosa. Sono arrivati a una convenzione tra Prefettura, l’associazione il Samaritano, la casa di accoglienza legata a Caritas diocesana, e la Caritas parrocchiale, che ha fatto sue le parole di Papa Francesco sull’accoglienza di rifugiati e profughi.Ma fin dall’inizio c’è stato anche l’appoggio dell’amministrazione comunale di Fumane, di altri gruppi e associazioni e di privati cittadini. «E questa collaborazione da parte di tutti», continuano i componenti di Caritas Fumane, «ha reso molto più
semplice l’ambientamento dei ragazzi. Con il Comune è iniziato anche un rapporto di volontariato: i ragazzi sono stati coinvolti nei lavori socialmente utili, in cui i tre hanno aiutato i dipendenti comunali nei vari servizi lungo le strade del paese. E i giudizi da parte dei dirigenti del Comune sono stati molto positivi».Recentemente è avvenuto anche un incontro tra Caritas Fumane, il sindaco Mirco Frapporti e il presidente del Samaritano, Michele Righetti, per fare il punto di questa esperienza di accoglienza e sul suo proseguimento. «Ci si è posti come obiettivo quello di coinvolgere ulteriormente i ragazzi nel paese e magari inserirli in una proposta lavorativa concreta con privati, magari nel prossimo periodo della vendemmia». I componenti della Caritas parrocchiale sottolineano, infine, l’importanza di vivere un’esperienza come questa. «L’accoglienza di ragazzi profughi o comunque che vivono situazioni di disagio, mostra la faccia concreta della Chiesa: quella dell’impegno concreto, nell’aiuto al prossimo. Vedere questi ragazzi creare un piccolo orto nella nuova casa, giocare a basket nella società del paese, cantare e suonare i tamburi negli eventi paesani, apre il cuore, perché significa che si stanno inserirendo. Se sono arrivati in Italia, lasciando famiglie e certezze e rischiando la vita in viaggi incredibili, significa che nel loro paese era difficile continuare a vivere. È importante accoglierli, farli sentire a casa, anche per affrontare l’immigrazione con occhi diversi. Ora non si tratta più di semplice accoglienza, ma anche di inserimento e, perché no, di rapporti anche d’amicizia che possono nascere».

Arrivano dieci profughi ospiti di una cooperativa il sindaco contesta i modi (da l’Arena 09/07/2016)

Arrivano dieci profughi ospiti di una cooperativa il sindaco contesta i modi (da l’Arena 09/07/2016)

Dieci persone richiedenti asilo sono state assegnate al Comune di Villafranca. La telefonata in municipio, dal capo di gabinetto della prefettura di Verona Alessandro Tortorella, che avvisava del loro arrivo, è giunta ieri mattina al sindaco Mario Faccioli. Le persone abiteranno in alcuni appartamenti di una cooperativa, probabilmente in centro città. Il primo cittadino ha contestato la modalità dell’operazione a Tortorella: «Non mi è stato comunicato dove saranno collocate queste persone anzi si nascondono all’amministrazione indirizzo e luogo e senza specificare in particolar modo se vi siano famiglie con figli minori», spiega Faccioli.Il primo cittadino ha scritto quindi alla Prefettura: «Spiace constatare le modalità con cui è stato comunicato l’intervento, che ritengo poco rispettose nei confronti dell’amministrazione che rappresento; avrei voluto che il provvedimento venisse condiviso parlandone prima. Questo modo di fare è in contrasto con i principi di collaborazione, di dialogo e di rispetto nei confronti di una comunità. Inoltre siamo stati diffidati dall’avvicinarci e dal ricercare il luogo dove vengono inserite queste persone».Faccioli punta il dito anche contro le cooperative e i privati: «Si rendono disponibili all’accoglienza e alla collaborazione solo a fronte di un potenziale reddito». E ricorda la situazione emergenziale di Villafranca dove tuttora alcuni nuclei familiari residenti, italiani e stranieri, sono stati sfrattati perché, in seguito alla perdita del lavoro, non sono riusciti a pagare l’affitto: «Questa settimana ho dovuto dissuaderne alcuni che minacciavano di Arrivano dieci profughi ospiti di una cooperativa Il sindaco contesta i modi darsi fuoco, ognuno con famiglia e figli». «Trovo indegno», conclude nella lettera al prefetto, «che queste persone non abbiano le stesse attenzioni. Visto il numero consistente di famiglie sottoposte a sfratti e di bisogni sociali collegati che interessano il Comune in questo momento economico difficile, farò tutto ciò che è necessario perché venga garantito il diritto costituzionale dei villafranchesi di vedere rispettato il diritto alla casa e a sostenere una famiglia dopo anni di lavoro. E invito il Prefetto a farsi portavoce dal Governo di questi problemi sociali, gravi e difficili, che ogni giorno i Comuni affrontano».

L’Ater consegna nuovi alloggi al sindaco Tosi (tratto da l’Arena 25/06/2016)

L’Ater consegna nuovi alloggi al sindaco Tosi (tratto da l’Arena 25/06/2016)

L’ex casa del segretario comunale trasformata in sei appartamenti La disponibilità di nuovi alloggi destinati alle famiglie in possesso dei
requisiti previsti per accedere alle case di edilizia popolare dell’Ater. E ancora: il punto di partenza di un percorso verso la realizzazione di case di emergenza. È questo il senso di quanto è accaduto ieri in corso Vittorio Emanuele a Vigasio. In un immobile di proprietà del Comune e destinato ad accogliere il segretario comunale, ora sono stati realizzati sei appartamenti destinati a nuclei formati da uno o al massimo due
persone. «Un’operazione», ha spiegato ieri il commissario straordinario dell’Ater, Giovanni Pesenato, «che è stata realizzata grazie ad un
intervento di ristrutturazione del valore di 390mila euro, di cui 240mila derivanti da un finanziamento della Regione, che ha permesso di
creare unità abitative dotate anche di spazi propri esterni». «Questo stabile», ha invece aggiunto il sindaco Eddi Tosi, «si trova a lato di un
altro edifico dell’Ater (che comprende una quindicina di appartamenti, ndr) e, quindi, costituisce un significativo ampliamento dell’offerta
abitativa agevolata a Vigasio». Se ieri c’è stata quella che può essere considerata come un’inaugurazione non ufficiale degli appartamenti di
corso Vittorio Emanuele – le unità abitative sono di fatto già in via di occupazione dagli aventi diritto, essendo divenute disponibili già una
ventina di giorni fa – ora può considerarsi aperta una nuova partita.Il vice-presidente del Consiglio regionale, ed ex assessore, Massimo
Giorgetti ha infatti ricordato l’esistenza di una disposizione regionale in base alla quale realtà amministrative ed associazioni possono ottenere in comodato gratuito alloggi e spazi non utilizzati dall’Ater a patto che se ne assumano i costi di restauro. «Le finalità sono sociali, visto che si può consentire che divengano disponibili alloggi di emergenza a favore di persone che rimangono senza un tetto o vittime di violenza familiare», ha spiegato Giorgetti. «È un’ opportunità», ha sottolineato Tosi, coi consiglieri di maggioranza Elena Sega e Corrado Brutto «che valuteremo».

Sos Casa Assemblea Aperta a tutti

Sos Casa Assemblea Aperta a tutti

IMPORTANTE APPUNTAMENTO CUI SIETE TUTTI INVITATI! ASSEMBLEA APERTA DI SOS CASA CON DESCRIZIONE, TRA L’ALTRO, DEI PROGETTI E CONDIVISIONE DI PROBLEMATICHE SOCIALI ATTUALI. VENERDI’, ORE 20.45 BIBLIOTECA DI VILLAFRANCA!

Il programma:

  • Introduzione: Renzo Fior, Comunità di Emmaus
  • Presentazione del Bilancio 2015 alla Cooperativa
  • Relazione economica e sociale
  • Domande, risposte, commenti